A Zenevreto di Mombello celebrato il centenario dell’erezione del monumento ai caduti

Zenevreto di Mombello – Domenica 4 giugno si è svolta a Zenevreto, piccola frazione del Comune di Mombello Monferrato, la solenne celebrazione del centenario dell’erezione del locale monumento dei caduti. La manifestazione ha preso il via fin dalla prima mattinata con il ritrovo presso il Piazzale Monte Lupo con la colazione alpina preparata con cura dal locale Gruppo Alpini di Mombello-Zenevreto e da tutti volontari del circolo di Zenevreto. Mentre la popolazione iniziava a radunarsi e la Banda della Bersagliera intonava i primi inni e marce di carattere militare, si presentavano anche le varie autorità: per primo il sindaco di Mombello Augusto Cavallo pronto ad accogliere l’Onorevole Enzo Amich e il Presidente della Provincia di Alessandria Enrico Bussalino, e a seguire i sindaci dei Comuni di Gabiano, Odalengo Grande, Ponzano, Villadeati e Villamiroglio, oltre ai militari della locale stazione dei Carabinieri.
Alle 10,30 iniziava la breve processione che al suono della banda, portava tutti i presenti davanti al monumento ai caduti per l’alzabandiera e la deposizione della corona di alloro. Dopo aver intonato il silenzio iniziavano i discorsi delle autorità a cominciare dal locale Capogruppo degli Alpini Piero Antonio Magro che ricordava come il monumento di Zenevreto sia uno dei primi ad essere stati eretti dopo la fine del primo conflitto mondiale, portando infatti la data del 7 settembre del 1920. Il centenario ufficiale infatti ricorreva nel 2020 ma per via dei problemi causati dalla pandemia la celebrazione è slittata di alcuni anni.
A seguire era la volta del Sindaco di Mombello che ricordava l’importanza di ricordare il messaggio che tali monumenti ci trasmettono e che a distanza di cento anni è ancora molto attuale.
A seguire hanno preso la parola il Presidente Bussalino e l’Onorevole Amich prima della chiusura da parte del Presidente della Sezione ANA di Casale Monferrato Gian Luigi Ravera.
Terminati gli interventi delle autorità presenti ci si è inquadrati sempre nel Piazzale Monte Lupo per la Santa Messa celebrata all’aperto dal Parroco don Carlo Pavin.
Dopo la messa nuova breve processione fino al monumento per la benedizione e le foto di rito.
Terminata la celebrazione ufficiale il folto pubblico con alcune autorità proseguiva i festeggiamenti raggiungendo la vicina struttura di Cascina Montena, per l’occasione addobbata a festa, e consumare un gustoso ed abbondante pranzo in allegria ed amicizia.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email