La nostra Identità: una storia di chi ha dato tutto alla Patria

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Un lettore della pagina Facebook dell’Associazione “Identita’ Italiana – Italiana all’estero”, Franchino Placidi, così ci scrive da Lagos:

“Mio nonno materno e suo fratello ritornarono dal Brasile per combattere  nella Prima Guerra Mondiale.

Erano emigrati dall’Umbria nel 1985 per trasferirsi in Amazzonia dove mio nonno il fratello e la sorella sono cresciuti.

Stavano a un giorno di cavallo da Manhaus dove il bisnonno insieme a un marchigiano  aveva una concessione di alberi della gomma.

Poco prima dello scoppio della guerra rientrarono in Italia. Nonno nel 1915 aveva 22 anni, il fratello 24; erano di leva e non volevano passare per renitnti. Erano cresciuti nel culto della Patria lontana, quindi rientrarono; nonno fu arruolato nel 38 rgt fanteria Pavia e combatte’ nella zona dell’Isonzo, sopratutto nella Conca di Plezzo a Caporetto, dove combatte’ con coraggio e fu ferito gravemente, ma riusci’ a guadagnare  le linee italiane ritirandosi combattendo, guadagnando pure una decorazione.

Il fratello invece combatte’ come Alpino sul fronte Trentino fino a fine guerra; torno’ a casa con una brutta pleurite che in un paio di anni lo uccise.

Mio nonno si chiamava Bianchi Francesco, suo fratello Reginaldo.

Nonno, quando sorse l’Associazione, fu nominato Presidente dei Combattenti e Reduci di Castelbuono di Bevagna, in Provincia di Perugia”.

Non aggiungiamo nulla a queste parole del nostro amico Franchino se non l’impegno della nostra Associazione di ricordare il prossimo 4  Novembre (2021) a Castelnuovo di Bevagna il sacrificio dei suoi due parenti, con una cerimonia presso il Monumento ai Caduti che in quella localita’ proprio suo nonno contribui’ a far erigere.

Concludiamo con queste parole di Ezio Maria Gray: “Quando si e’ dato tutto alla Patria, si e’ dato ancora meno di quanto alla Patria di deve”.

 

Aldo Rovito, Presidente di Identita’ Italiana – Italiani all’estero.

(Nella foto il Monumento ai Caduti di Castelbuono di Bevagna in provincia di Perugia)

Print Friendly, PDF & Email