Alessandro Puppo è pronto per la nuova stagione di lancio del martello

ALESSANDRIA – Lo sport, a livello nazionale, è ripartito e a breve verranno diramati i calendari anche per l’atletica leggera. Uno dei tesserati dell’Atletica Alessandria è Alessandro Puppo, classe 1991 specializzato nel lancio del martello.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Ho iniziato a praticare atletica nel luglio del 2004 – racconta – e dopo alcuni mesi di preparazione generale sono stato indirizzato, per le mie qualità fisiche, verso il gruppo dei lanci dell’Atletica Alessandria. In questo gruppo ho inizialmente provato tutte le discipline di lanci trovando nel lancio del martello quella in cui ero più portato e che mi piaceva maggiormente, anche se inizialmente non ho avuto grandi risultati. È una disciplina molto complessa, a cui mi sono dedicato totalmente negli anni e pian piano i risultati sono arrivati. Rimpianti non ne ho, mi sono sempre impegnato al massimo soprattutto da quando ho iniziato ad allenarmi da solo a 16 anni anche se i risultati migliori sono arrivati solo nelle ultime stagioni”.

Un titolo regionale conquistato nella scorsa stagione e poi lo stop forzato per l’emergenza coronavirus. Puppo, però, ha le idee molto chiare.

La preparazione invernale per la stagione 2020 – prosegue l’atleta – era andata molto bene purtroppo però l’arrivo del coronavirus e delle conseguenti norme mi ha fermato. Esattamente il giorno della prima gara dell’anno a Torino il 23 febbraio, le gare sono state interrotte poco dopo la mia, in cui ho vinto il titolo regionale invernale, durante le gare di due miei atleti, costringendoci a tornare a casa. In seguito il lockdown ha interrotto i miei allenamenti portando la preparazione molto indietro. Ho tamponato con esercizi a casa con i pochi attrezzi che avevo a disposizione ma gli allenamenti tecnici ne hanno risentito in quanto per lanciare sono necessarie strutture apposite. Alla riapertura ho ricominciato ad allenarmi e ad allenare ma avevamo ancora molte limitazioni. Questo ha portato ad una preparazione non ottimale ma buona che si è conclusa con l’ultima gara della mia stagione, il campionato regionale outdoor, in cui sono riuscito a vincere nuovamente il titolo sebbene con una prestazione che non mi ha soddisfatto. Finita la stagione ho iniziato una preparazione anticipata per il prossimo anno per poter  recuperare quanto perso ma le nuove chiusure mi hanno nuovamente rallentato, la speranza è che durino poco permettendomi di avere una prossima stagione ottimale. Per la prossima stagione spero di riconfermare i risultati di quest’anno come titoli e, soprattutto ,di migliorare il mio primato personale riuscendo a fare il minimo per i Campionati Italiani Assoluti, la massima categoria agonistica per l’atletica”.

Puppo non è solo un atleta. È anche un istruttore.

Devo dire – racconta – che sono molto fortunato perché ho atleti talentuosi e a loro volta molto appassionati e dediti ai  lanci. Quasi tutti loro sono ai vertici regionali delle loro categorie e due di loro anche tra i migliori 36 d’Italia”.

Ma Alessandro Puppo non vive solo di sport, è anche un giovane imprenditore.

Conciliare il lavoro e lo sport agonistico – conclude Puppo – non è facile considerando anche l’impegno come allenatore quindi incastro gli allenamenti nei momenti liberi che trovo e li adatto al tempo a disposizione”.

Print Friendly, PDF & Email