Francesco Marra Cutrupi: “I playoff sono una lotteria, ancora di più quest’anno”

Il calcio è tornato. Anche in Serie C. Da qualche giorno, infatti, sono iniziati i playoff e domenica sera i Grigi faranno il loro debutto sul campo del Moccagatta. Ne abbiamo parlato con il collega Francesco Marra Cutrupi, collaboratore di TuttoC.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

È giusto tornare a giocare – ha esordito -. Abbiamo aspirato tanto ad un ritorno alla normalità, il calcio come sport deve essere monito e sintomo di un parvente ritorno alla vita di tutti i giorni. Bisognava dare anche continuità al campionato e al merito sportivo. Non si poteva concludere un campionato senza dare la possibilità alle 28 aventi diritto di partecipare al playoff di giocarsi le proprie carte per la promozione. Condivido anche la scelta dei playoff facoltativi, si è data una grande mano d’aiuto a quelle società in difficoltà post Covid non in grado di sopperire ai costi esorbitanti del protocollo”.

Il giornalista ha poi analizzato la situazione delle squadre favorite.

I playoff – prosegue – sono una lotteria, ancora di più quest’anno. Dopo tre mesi senza giocare sarà dura riprendere. Tutti vedono il Bari davanti, sicuramente i ragazzi di Vivarini sono tra le più quotate alla promozione diretta ma guai a sottovalutare Reggiana, Carpi e Catanzaro. Sono tre squadre costruite per vincere e far bene. Il Catanzaro soffrirà il fattore campo perché dovrà giocare sempre fuori casa, ma questo può essere uno stimolo in più per vincere. Non sottovaluterei neanche Sudtirol e Triestina, che si scontreranno nel prossimo turno. La sorpresa potrebbe essere il Padova, solidi e con una formazione che a mio modo di vedere farebbe bene anche in Serie B. L’Alessandria ha fatto bene, pur avendo disputato un campionato altalenante soprattutto tra gennaio e febbraio. Non me ne vogliano ma non li inserisco tra i favoriti per questi playoff, possono sicuramente far bene e dimostrare qualcosa, magari mi smentiranno… Permettimi di fare una menzione per un ragazzo che farà strada: Raffaele Celia, ha disputato due ottime stagioni, l’anno scorso a Cuneo e quest’anno qui ad Alessandria. Ha fatto una stagione in crescendo, ha 21 anni e ha tutte le qualità per diventare tra i top nel suo ruolo. Non mi stupirei se iniziasse ad avere mercato in Serie B”.

Infine ha parlato della riforma della Serie B che, da giorni, viene data per fatta.

Di sicuro la riforma non ci sarà nella prossima stagione – conclude Francesco Marra Cutrupi –. La stagione 2020/2021 avrà 20 squadre in Serie A, 20 squadre in Serie B e 60 squadre in Lega Pro. Il discorso riforme è molto più ampio rispetto a quanto pensano molti addetti ai lavori. Al momento per la Lega B gestire 40 squadre è impensabile, certo è che anche la Lega Pro ha troppe squadre. Bisogna trovare la quadra giusta, è un discorso a lungo termine”.

Print Friendly, PDF & Email

Powered by Live Score & Live Score App