Il canale editoriale TheShow racconta in un video come il digital e internet siano stati fondamentali per mantenerci uniti durante il lockdown e come lo saranno per ripartire

Il lockdown ha messo l’acceleratore su una trasformazione digitale già in atto e, grazie alla Rete, siamo riusciti a ridurre la distanza tra le persone. 

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Costretti in casa nei giorni più concitati dell’emergenza Coronavirus, le videocall hanno preso il posto delle riunioni di lavoro e degli aperitivi, lo streaming ha preso il posto del cinema, lo shopping online e il food-delivery hanno sopperito all’impossibilità di regalarci un momento di piacere all’esterno.

Partendo da questa osservazione, Alessio Stigliano e Alessandro Tenace del canale YouTube theShow, hanno voluto raccontare come gli italiani si siano riscoperti “vicini” grazie alla Rete e, con l’aiuto di alcuni ospiti d’eccezione (in ordine di apparizione: The Jackal, Filippo Tortu, Bruno Barbieri, Marco Montemagno, Roberto Vecchioni e Fedez), hanno dato vita all’esperimento sociale “Connessi, L’Italia Riparte dal Digitale”.

Nel video, con la produzione esecutiva di theShow SRL, personaggi pubblici e persone comuni sono stati connessi tra loro, in modo casuale, attraverso le videocall, uno strumento che ormai tutti hanno imparato a conoscere e usare. 

A ciascun partecipante è stato chiesto di provare a instaurare una “connessione umana” con l’altro, senza conoscersi e parlarsi prima, ma solo guardandosi negli occhi per un minuto. 

Nel dialogo che ne è seguito, i partecipanti hanno poi potuto capire cosa li rendeva vicini seppure nella distanza fisica. 

L’esperimento ha così messo in scena in maniera netta e chiara quell’azzeramento delle distanze che è proprio del mondo digitale, con i protagonisti che si sono ritrovati a condividere pezzi di vita, emozioni e aneddoti su come la propria professione o la semplice quotidianità si siano adattati e trasformati grazie alla Rete. 

Grazie alle testimonianze di Raffaele e Veronica Capurso (fruttivendoli), Iacopo Scascitelli (Clown in smart working per la ONLUS Andrea Tudisco), Giampiero Berrone (imprenditore), Ibrahim Youssef (studente), Valeria Franceschini (infermiera) e Filomena Napolione (nonna), l’esperimento racconta come possiamo ripartire da un mondo che ha completamente azzerato le distanze grazie al digital, come ci siamo riscoperti più italiani di prima, distanti ma uniti.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email