Il Premier Giuseppe Conte chiede scusa per i ritardi nei pagamenti

ROMA – Il Premier Giuseppe Conte si è scusato alla nazione per i ritardi nei pagamenti delle indennità del mese di marzo legate al coronavirus. Per farlo si è affidato ad un lungo post sulla sua pagina Facebook.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lo Stato – si legge –, così come tutti i lavoratori, non ha mai trovato di fronte a sé una minaccia sanitaria ed economica come questa. Negli ultimi 50 giorni abbiamo dovuto mettere in campo uno sforzo economico pari a quello di intere manovre di bilancio realizzate nell’arco di 2 o 3 anni. Tanti hanno ricevuto un sostegno, altri lo riceveranno nei prossimi giorni. Abbiamo lavorato al massimo per far ripartire a pieno regime il motore dello Stato, perché questo poderoso sostegno pubblico si concretizzasse in pochi giorni: ci sono stati e ancora continuano alcuni ritardi nelle somme da erogare, come pure complicata si sta rivelando la partita dei finanziamenti. Chiedo scusa a nome del Governo, e vi assicuro che continueremo a pressare perché i pagamenti e i finanziamenti si completino al più presto. È ai dettagli un nuovo provvedimento con aiuti e misure per la ripartenza economica che saranno più pesanti, più rapidi, più diretti. Non farò finta di non sentire i vostri consigli, le vostre sollecitazioni, la vostra rabbia, la vostra angoscia. Non cadono nel vuoto, non sono parole al vento. Sono piuttosto il vento che spinge più forte l’azione del Governo. Credo sia l’unico modo per onorare questo giorno, questo 1 maggio”.

Le scuse, però, non bastano. Servono soldi per poter mangiare. Troppi italiani, ad oggi, non hanno ancora ricevuto i famosi 600€ o la Cassa Integrazione. Ad oggi, infine, non si è ancora firmato il decreto necessario per i contributi del mese di aprile. E siamo già a maggio. Davvero gli italiani si devono accontentare solo delle scuse?

Print Friendly, PDF & Email