MCL: da Roma ad Alessandria, l’attenzione è puntata su giovani e donne

“Significativa la soddisfazione per il Movimento Cristiano Lavoratori di Alessandria dopo che il
Consiglio generale, oggi, a Roma, ha eletto il nuovo Presidente Nazionale: Alfonso Luzzi, già
direttore del Patronato Sias e vicepresidente nel trascorso mandato”, così Piercarlo Fabbio,
consigliere generale Mcl, che ha concorso con il suo voto all’elezione del nuovo Presidente.
Il parlamentino del Movimento, eletto dal Congresso nei primi giorni di febbraio, e composto da
circa 140 consiglieri, compresi i giovani e i rappresentanti delle delegazioni estere, ha così
terminato il rinnovamento della classe dirigente per i prossimi anni. Insieme al Presidente Luzzi,
votato all’unanimità, sono stati scelti il nuovo comitato di Presidenza e l’Esecutivo nazionale, di
cui fa parte il Presidente regionale del Piemonte Marco Margrita.
La prima elezione del Consiglio Generale è però toccata proprio a Piercarlo Fabbio, chiamato a
svolgere il ruolo di segretario del Consiglio Nazionale. poi è toccato al nuovo Presidente del
Consiglio Generale. Un grande applauso ha infatti accolto la candidatura di Tonino Inchingoli,
storico segretario generale mcl, che già al Congresso aveva dato l’addio al ruolo che aveva
caratterizzato il suo impegno per oltre vent’anni di attività.
Ha salutato e ringraziato il Consiglio il presidente emerito Tonino Di Matteo, che verrà presto
chiamato ad altri importanti incarichi per il Movimento.
Perché una così forte soddisfazione per il Presidente Provinciale MCL di Alessandria? Per due
ragioni: “innanzitutto la collaborazione della sede alessandrina con il neo Presidente Luzzi è
cresciuta moltissimo negli ultimi anni, al punto che il Congresso provinciale di Alessandria è stato
proprio presieduto, a metà novembre, da Alfonso Luzzi. Gli amici così hanno potuto sentire in
anteprima le linee portanti del suo futuro lavoro e la sua disponibilità a partire dal basso per
ottenere un miglioramento sostanziale del servizio del Movimento alla comunità. La seconda
ragione sta nelle parole chiave indicate dal Presidente, cioè chiarezza, trasparenza, merito, lavoro
e attenzione ai giovani e alle donne. Obiettivi che il MCL di Alessandria ha già fatto propri in molte
occasioni ed ultimamente sul versante del ruolo della donna nella nostra società”.
Non a caso proprio il 1 marzo, nel salone degli affreschi del chiostro di Santa Maria di Castello in
Alessandria, organizzato dal MCL provinciale e dal circolo del Movimento intitolato a Santa Maria
di Castello (presidente Manuela Lessio), si è tenuto un convegno dal titolo “Donne protagoniste
della Storia”, inserito nelle iniziative municipali del Marzo donna 2024, occasione importante non
solo per recuperare le vicende della napoletana Eleonora De Fonseca Pimentel, patriota, politica e
giornalista, impiccata a 47 anni, nonché di Matilde Serao, ma anche per rimarcare la condanna
alla violenza di genere e sostenere quell’educazione che serve per garantire a fondo il rispetto
delle donne. E a parlare di questi temi sono state chiamate donne con ruoli di responsabilità nella
società alessandrina e uomini che ritengono di offrire la loro intelligenza per il superamento di una
condizione femminile critica non più accettabile.
Il meeting è stato condotto da Efrem Bovo e Massimo Taggiasco, ed è stato co-organizzato tra gli
altri dal Circolo culturale Marchesi del Monferrato con la sua presidente Emiliana Conti.
“Un’immediata concretizzazione – conclude Fabbio – di una delle parole chiave usate dal
Presidente Luzi e che il Consiglio Generale MCL ha accolto con interesse e partecipazione.
Cercheremo di arricchire con contenuti alessandrini il loro portato e di aggiungere così le nostre
possibili interpretazioni”.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Nellae foto:

In alto un momento del convegno di Alessandria;

Nella fotogallery: l’intervento del neo presidente Alfonso Luzzi; al tavolo di presidenza Piercarlo Fabbio e Tonino Inchingoli

Print Friendly, PDF & Email