“Arrotondava” spacciando nel parcheggio del proprio ristorante: arrestato

Alessandria – Avevano creato non pochi sospetti i movimenti, nel parcheggio della sua attività, di un ristoratore alessandrino tanto che ai poliziotti della Squadra Mobile di Alessandria erano arrivate diverse segnalazioni.
La successiva attività di osservazione ha dato fondamento alle indicazioni ricevute e, nei giorni scorsi, la Polizia è intervenuta per porre fine a quella che poi si è dimostrata una fiorente attività di spaccio.
Fermato e controllato sul luogo di lavoro, appena sceso dal veicolo, l’uomo si era mostrato nervoso e alla domanda se avesse della sostanza stupefacente con se, aveva dichiarato di non averne, ma vista anche la presenza di due cani della Squadra Cinofila della Questura di Genova in supporto agli operatori della Squadra Mobile alessandrina, aveva deciso di consegnare due involucri con all’interno poco più di 2 grammi di hashish.
Vista la situazione, ma soprattutto da quanto emerso dalla precedente attività d’indagine, era scattata la perquisizione dell’esercizio commerciale, perquisizione che si era, però, risolta in un nulla di fatto.
Diverso esito ha dato la perquisizione dell’abitazione dell’uomo dove, soprattutto grazie al fiuto dei due cani antidroga Leone e Constantin, sono state scoperte 8 tavolette di hashish per un perso complessivo di oltre mezzo chilo. Il lavoro di ricerca ha, poi, permesso di rinvenire e sequestrare un bilancino di precisione, del materiale utilizzato per il confezionamento della droga per essere poi venduta al dettaglio, un coltello da cucina e delle forbici da chirurgo utilizzate per il frazionamento dello stupefacente.
In base a quanto scoperto, il ristoratore è stato così arrestato per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e condotto presso la casa circondariale Cantiello e Gaeta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email