La provincia di Alessandria prosegue il suo percorso nel mondo Gravel con “Monferrato” e “Terre di Coppi Gravel Testival”

Alessandria – Da anni il territorio Alessandrino lavora per posizionarsi come una delle destinazioni Gravel di riferimento in Italia, mappando percorsi con specifiche site inspections e costruendo circuiti dedicati in particolare al binomio “Bike & Wine”, in modo da unire due grandi forze attrattive del territorio, l’enoturismo e il cycling.
Alexala, agenzia turistica del territorio, continua a lavorare in questo senso promuovendo nuove occasioni di promozione dell’Alessandrino come potenziale destinazione chiave del Gravel italiano.
In particolare, a partire dal 2021, Alexala ha iniziato a creare nuove tracce gravel aggiornate sia sui portali già esistenti (piemontescape.com) sia su nuovi canali (Komoot) e via via si sta lavorando per coprire tutto il territorio con percorsi secondo questo nuovo concept che prevede un anello gravel, di rilevanza turistica e paesaggistica, il cui ritorno/andata può sempre essere gestito in treno.
Nella stessa direzione è andata l’implementazione dei servizi turistici intorno ai nuovi percorsi e la creazione di diversi prodotti turistici tematizzati che consentono addirittura di raggiungere la Liguria partendo dal Piemonte.
Oggi Alexala annuncia un nuovo importante appuntamento per il mondo di appassionati del Gravel Bike: il Monferrato e Terre di Coppi Gravel Testival. Un evento che darà la possibilità a trenta fortunati ciclisti di testare in anteprima le nuove tracce Gravel, con quattro percorsi intorno ai 100 – 150 km con un D+ tra 800m e 1500m, con fondo prevalentemente sterrato compatto o grezzo e avventuroso. I quattro percorsi – Petalo Alto Monferrato, Petalo Colli Tortonesi, Petalo Basso Monferrato, Petalo Gavi e Ovada DOC – abbracciano l’intera vastità del territorio, e sono pensati per andare alla scoperta delle nostre zone su due ruote, con la possibilità sempre di un rientro in treno alla fine della pedalata. Sono percorsi che offrono grande flessibilità ai ciclisti: in particolare, tre di questi sono stati progettati con la forma di un otto per consentire un “taglia e cuci” personalizzabile in base alle preferenze del ciclista. Ciascuno di questi
percorsi ha una propria identità distintiva, visto che il territorio presenta un’ampia varietà di caratteristiche eterogenee tra colline, sterrati in pianura, salite su asfalto e sterrato, tutte con il comune denominatore però di essere immerse tra suggestivi vigneti.
L’idea è quella di valorizzare sempre di più le specificità di questo territorio, al fine di renderlo un paradiso per gli appassionati di Gravel. Le caratteristiche dei terreni sterrati e duri rendono questa zona, a detta degli esperti, un luogo unico per la pratica di questa disciplina.
Dal 26 al 28 maggio prossimo, quindi, un gruppo di trenta ciclisti (influencer, blogger, giornalisti specializzati, operatori Bike del territorio, appassionati ed esperti del mondo Gravel) invitati da Alexala e seguiti da Helios proverà in anteprima le nuove tracce, con l’obiettivo di sperimentarne l’attrattiva, fornendo un feedback prezioso sui percorsi e sul territorio (in termini di sicurezza, fattibilità, qualità, bike-friendliness) e di promuoverle all’interno di un circuito di appassionati sportivi.
Un ulteriore appuntamento che consolida il legame del territorio con il mondo del ciclismo, che ha una storia lunghissima che passa attraverso i grandi campioni di queste terre, e che oggi si propone a un nuovo pubblico di atleti o amatori della bicicletta.
Un percorso che non a caso ha visto lo scorso anno Quattordio, in provincia di Alessandria, essere l’unica tappa italiana delle UCI Gravel World Series, il campionato mondiale di Gravel, nell’ambito della Monsterrato-Strade Bianche Monferrato.
“Continuiamo a credere molto nei progetti che legano la nostra destinazione al pubblico appassionato di bicicletta, e in particolare a quello del Gravel – commenta Roberto Cava, presidente di Alexala – siamo convinti che il nostro territorio possa diventare un punto di riferimento assoluto in Italia, per questo abbiamo organizzato questo Testival, utile a provare e raccontare le nuove tracce disponibili per chi vorrà a venire a pedalare in queste zone”.
“Cogliamo anche l’occasione per fare un sentito ringraziamento a tutte le aziende locali che hanno aiutato la riuscita di questo progetto, con il supporto e con i loro prodotti di eccellenza, contribuendo alla buona riuscita di questo importante appuntamento”.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email