Ultimi giorni per presentare osservazioni sul quadruplicamento della linea ferroviaria Tortona-Voghera

Tortona – Ultimi giorni per contribuire, attraverso l’invio di osservazioni e proposte, al Dibattito pubblico sul quadruplicamento della linea ferroviaria Tortona-Voghera. E’ infatti fissata a lunedì 16 gennaio 2023 la scadenza per inoltrare all’indirizzo info@dptorotonavoghera.it considerazioni, proposte e idee sul progetto che Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) realizzerà nei prossimi anni per potenziare un collegamento strategico sia per il Paese che per il territorio locale. L’opera si trova ora nella fase di progettazione preliminare, con attesa di appalto dei lavori a fine 2024, e il Dibattito ha lo scopo di conoscere le istanze del territorio per meglio definire il progetto dell’infrastruttura.
Gli interessati possono inviare istanze relative al tracciato ferroviario, alla viabilità, alle barriere anti rumore, agli aspetti ambientali e idraulici, agli impatti della fase di cantiere e in generale a tutte le opere collegate alla progettazione del tracciato dellìopera. Possono inoltrare osservazioni e proposte anche coloro che non hanno partecipato alle fasi precedenti del percorso di pubblica consultazione.
Sul sito del progetto www.dptortonavoghera.it sono disponibili tutti i materiali relativi sia alla realizzazione dell’opera che al Dibattito. E’ possibile rivedere gli incontri territoriali che si sono tenuti nei mesi scorsi (sezione “Partecipa al Dibattito”), sia consultare le osservazioni a oggi pervenute da parte di cittadini, stakeholder, istituzioni (sezione “Quaderno degli attori”).
Una volta raccolte ed elaborate le diverse istanze del territorio, il coordinatore del dibattito pubblico avrà un mese di tempo per inviare a Rfi la relazione conclusiva in merito agli esiti del dibattito. Il documento sarà utile a Rfi per produrre la relazione finale dell’opera da inoltrare ai Ministeri della Transizione ecologica e della Cultura e dare avvio all’iter autorizzativo, alla progettazione definitiva dell’opera e al suo finanziamento.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email