Spettacolo Furore al teatro Marenco

La stagione teatrale, nata dalla collaborazione tra la fondazione Piemonte dal Vivo e la fondazione
Teatro Marenco con il direttore artistico Giulio Graglia, ha avuto un grandissimo successo, tanto
che molti spettacoli sono già sold out, dimostrazione della passione dei novesi per il teatro.
Si inizia con un classico della letteratura americana tratto dall’omonimo romanzo di John
Steinbeck, premio Nobel per la letteratura: Furore.
Nell’estate del 1936, il San Francisco News chiese a John Steinbeck di indagare sulle condizioni
di vita dei braccianti sospinti in California dalle regioni centrali degli Stati Uniti, soprattutto
dall’Oklahoma e dall’Arkansas, a causa delle terribili tempeste di sabbia e dalla conseguente
siccità che avevano reso sterili quelle terre coltivate a cotone. Il risultato di quell’indagine fu una
serie di articoli da cui l’autore americano generò, tre anni dopo, nel 1939, il romanzo Furore. Sul
palco viene presentato il racconto di come John Steinbeck trasformò quella decisiva esperienza
giornalistica, umana e politica in grande letteratura
Il regista Massimo Popolizio dà voce e presenza alla storia, adattata per il teatro da Emanuele
Trevi, muovendosi in una scarna scenografia, mentre sullo sfondo si susseguono proiezioni che
illustrano e commentano il dramma narrato.
Il commento sonoro è affidato alla batteria – e non solo – di Giovanni Locascio.
dal romanzo di John Steinbeck
di e con Massimo Popolizio
adattamento Emanuele Trevi
musiche eseguito dal vivo da Giovanni Lo Cascio
suono Alessandro Saviozzi
luci Carlo Pediani
creazioni video Igor Renzetti e Lorenzo Bruno
produzione Compagnia Umberto Orsini/Teatro Di Roma – Teatro Nazionale

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email