Il primato assoluto dei vini italiani nel mercato austriaco

I vini italiani vincono sul mercato austriaco, registrando un netto distacco da Francia e Spagna. Dei 77milioni di litri importati, pari al 33% del consumo austriaco, 40 milioni sono italiani, ovvero, il 52% e corrispondono al 17% del consumo totale.
Questi, alcuni dei dati emersi durante la trasferta monferrina a Vienna, dove un gruppo di vigneron
del Consorzio di tutela vini Colline del Monferrato Casalese, la scorsa settimana, ha partecipato alla
VI Edizione di “Selezione Piemonte 2022”, evento realizzato da Wein&Kultur in collaborazione con Barolista Weinimport.
Un’importante occasione per promuovere nel mercato austriaco le denominazioni monferrine, in
primis, il Grignolino del Monferrato Casalese doc, a operatori di settore e privati, clienti selezionati e consolidati di Barolista Weinimport.
Parliamo di un Paese che conta 8,8 milioni di abitanti con un reddito pro capite medio di 37mila
euro l’anno e una cultura del vino fortemente sviluppata (Istat austriaco). In Austria la produzione
vitivinicola è di 246 milioni di litri/anno, per 230milioni di litri di consumo/anno, pari a 26 litri
procapite. Gli austriaci consumano in casa il 44% dei vini acquistati, mentre il 53,4% viene
consumato fuori casa (Ho.Re.Ca. composto da circa 32mila esercizi, che al 48% prediligono i vini
esteri). I bianchi restano i vini maggiormente consumati (al 50%), seguiti dai rossi (37%) e dai rosati (13%).
Consorzio di tutela vini Colline del Monferrato Casalese – Castello Paleologo del Monferrato –Casale Monferrato.
A curare il seminario e a guidare la Masterclass a Vienna sono stati Christian Bauer, assaggiatore
Onav e organizzatore, da 11 anni, della rassegna “Selezione Italia”, e l’importatore Peter
Roggenhofer, consulente nella ricerca di produttori piemontesi. Questi, invece, i produttori
monferrini in trasferta: Gaudio Bricco Mondalino di Vignale Monferrato, Vitivinicola Botto Marco
di Sala Monferrato, Castello di Gabiano, Cinque Quinti dei Fratelli Arditi di Cella Monte, Hic et
Nunc di Vignale Monferrato, Vicara di Treville, Castello d’Uviglie-Bonzano e gli astigiani Cascina Rey di Monica Monticone e Franco Roero.
A distanza di una settimana, già si stanno raccogliendo i primi ordini.
Da Vienna a Murisengo, ora i vini del Consorzio gremiranno il Banco d’Assaggio della 55°
Fiera Nazionale del Tartufo Trifola d’Or in programma a Murisengo domenica 20 novembre.
L’appuntamento è in piazza Vittoria, punto nevralgico della Fiera, dove sarà possibile apprezzare:
Grignolino del Monferrato Casalese doc, Barbera del Monferrato Superiore docg, Rubino di Cantavenna doc e Gabiano doc.
Tutte le info su www.fieradeltartufo.net .

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email