CONTRACCETTIVI GRATUITI, L’ASSESSORE ALLA SANITA’ DEL PIEMONTE, LUIGI ICARDI: «SÌ AGLI AVENTI DIRITTO, NO AI PRESERVATIVI DI CITTADINANZA»

«Per la distribuzione gratuita dei contraccettivi da parte dei consultori delle Aziende sanitarie agli
aventi diritto, la Regione ha da tempo attivato, attraverso Scr, una gara per la fornitura dei prodotti,
senza bisogno di ricorrere ad una variazione di bilancio. Dal punto di vista della comunicazione,
inoltre, viene attuata da parte della Regione una capillare opera di sensibilizzazione e informazione
legata ai Consultori familiari e alle relative attività, anche attraverso il sito istituzionale».
Così l’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, rispondendo oggi in aula ad
un’interrogazione sulla distribuzione dei contraccettivi.
«La distribuzione gratuita di contraccettivi – ha ricordato l’assessore Icardi – è prevista per i
soggetti di età inferiore a 26 anni e per le donne di età compresa tra 26 e 45 anni con esenzione E02
(disoccupazione) o E99 (lavoratrici colpite dalla crisi) nel post IVG (entro 24 mesi dall’intervento)
e nel post partum (entro 12 mesi dal parto). La possibilità di erogazione gratuita riguarda
contraccettivi ormonali (orali, trans dermici e per via vaginale), impianti sottocutanei, dispositivi
intrauterini (IUD al rame o con rilascio di progestinico), contraccezione d’emergenza (ormonale o
IUD al rame), preservativi femminili e maschili. Al di fuori di queste categorie, previste per legge,
contrariamente a quanto auspicato dalla capogruppo del Movimento 5 Stelle che ha chiesto se, in
vista della variazione di bilancio, la Giunta intenda rendere gratuiti i contraccettivi in Piemonte, non
si è ritenuta opportuna l’erogazione di “preservativi di cittadinanza” gratuiti per tutti».

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email