Risicoltura e siccità: il punto al convegno Cia Alessandria

Nelle giornate di avvio della raccolta risicola 2022, Cia Alessandria organizza sul tema della risicoltura e delle risorse idriche un convegno che si svolgerà al Castello di Casale (Sala conferenze del Torrione secondo cortile) sabato 1° ottobre dalle ore 9:30.
Si tratta di una campagna risicola in una annata senza precedenti, da maglia nera nella storia dell’agricoltura territoriale per il problema siccità: anche se la situazione in provincia di Alessandria non si presenta drammatica come nel Novarese, Vercellese e Pavese, le considerazioni sul futuro vanno fatte oggi, per non rischiare più nelle prossime stagioni, spiega Cia Alessandria.
Invitati da Cia a fare il punto sul settore saranno: il presidente dell’Ente nazionale Risi Paolo Carrà, il direttore Anbi Mario Fossati, il responsabile regionale Settore Riso per Cia Piemonte Manrico Brustia, oltre alla dirigenza Cia (sarà presente anche il direttore nazionale Maurizio Scaccia e il presidente regionale Gabriele Carenini) e agli agricoltori associati. A curare le conclusioni sarà l’assessore regionale all’Agricoltura Marco Protopapa, mentre il sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi porterà il saluto istituzionale. Commenta il presidente zonale Cia di Casale Monferrato Marco Deambrogio, risicoltore a Terranova: «Organizziamo questo evento al Castello, concomitante alla Festa del Vino, anche per contribuire alla promozione del territorio, valorizzando uno dei principali comparti agricoli della nostra zona. Per il riso è stata una annata dura, ma l’Alessandrino e il Monferrato Casalese registrano per fortuna danni limitati. Il raccolto si prospetta abbastanza buono, speriamo che nei mesi a seguire il mercato tenga a fronte di una perdita consistente di produzione italiana, specialmente nella zona del Pavese. E, soprattutto, che le importazioni dall’Est Europa non intervengano in modo massiccio».

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email