La Regione Piemonte presente alla Fiera dell’aerospazio di Farnborough (18/22 luglio)

Gli Assessori Ricca e Tronzano “un’occasione per ribadire la centralità del sistema aerospaziale piemontese in un mercato, quello inglese, ricco e interessante”

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

La Regione Piemonte e il Ceipiemonte saranno presenti a sostegno del comparto aerospaziale piemontese alla fiera che si terrà alle porte di Londra la prossima settimana e che vede la partecipazione, oltre che delle Istituzioni, di ben 13 PMI piemontesi in un consesso internazionale utile per sviluppare e promuovere il business di un settore decisamente in crescita. La partecipazione è organizzata da Ceipiemonte su incarico della Regione nell’ambito del Progetto Integrato di Filiera “Aerospazio” finanziato grazie ai fondi POR -FESR Piemonte 2014-2020.

Una fiera biennale, quella dell’aerospazio, che si tiene a Farnborough dal 18 al 22 luglio che si colloca in un mercato decisamente ricco e interessante, quello inglese, per il comparto industriale della nostra regione. Un bacino quello aerospaziale piemontese decisamente in crescita che vanta 7 miliardi di euro di fatturato e 20.000 addetti, 350 PMI di settori assolutamente competitivi che riguardano: sistemi propulsivi, aero strutture, equipaggiamenti, sistemi movimentazione e logistica.

In Piemonte l’aerospazio è una delle eccellenze del tessuto produttivo e scientifico, confermata dalla vocazione per l’innovazione tecnologica. La filiera produttiva è unica grazie alla presenza di know-how, capacità tecniche, manifattura di alto livello, imprese impegnate nello sviluppo di processi e servizi, cooperazione con le università e con la rete di ricerca & sviluppo e una catena di fornitura organizzata.

Partecipare a Farnborough – dichiara Fabrizio Ricca Assessore Regione Piemonte all’internazionalizzazione – è unopportunità strategica per dimostrare il nostro ruolo da protagonisti nelle evoluzioni dellindustria aerospaziale con lobiettivo di fare business con i principali attori della comunità aerospaziale internazionale per entrare nelle supply chain dei più importanti programmi aeronautici internazionali grazie a nuove commesse. La Gran Bretagna – continua Ricca – è un mercato di forte interesse per lindustria aerospaziale del territorio piemontese e proprio per questo motivo la Regione Piemonte e Ceipiemonte intrattengono da lunga data collaborazioni con i principali cluster del Regno Unito – Midlands Aerospace Alliance, WEAF, AWF, Farnborough Aerospace Consortium, Invest Northern Ireland, alcuni dei quali sono membri di EACP/European Aerospace Cluster Partnership di cui anche il Piemonte è parte”.

Lappuntamento di Farnborough  – commenta l’Assessore Regionale alle Attività Produttive Andrea Tronzano – è loccasione per rinnovare la centralità del settore aerospaziale per la nostra Regione, grazie anche all’azione sempre più efficace del Distretto aerospaziale piemontese nell’elaborazione dei diversi filoni tecnologici d’avanguardia. Concetto ribadito anche nellincontro tenutosi a Torino nelle settimane scorse il Ministro per lInnovazione tecnologica Vittorio Colao, in occasione della presentazione del progetto della città dellAerospazio del valore di 1,1 miliardi di euro, che trova origine dalla duttile combinazione fra mondo dellimpresa, università, ricerca e istituzioni. Le nostre PMI stanno dimostrando di avere le competenze necessarie per rispondere alle richieste sempre più qualificate di un mercato in evoluzione. In questa fiera presenteremo ad una vetrina internazionale, un eco-sistema basato sulla forte connessione di tutti i soggetti coinvolti nella filiera”.

 Al Farnborough International Airshow verrà rilanciato il ruolo strategico del Piemonte nello sviluppo dell’Advanced Urban Air Mobility. In Piemonte si stanno sviluppando importanti progetti sul tema in collaborazione con grandi aziende come Leonardo, Thales Alenia e Avio Aero, con PMI aeronautiche come Digisky, PMI Automotive e Aerospace come Sabelt e Beond e con il Politecnico di Torino.

“In Piemonte è operativa la più completa supply chain del settore aerospazio in Italia – dichiara il Presidente di Ceipiemonte Dario Peirone – lo possiamo testimoniare in relazione alla forte collaborazione con le grandi aziende dellaerospazio italiane che operano  in Piemonte con cui le PMIdel territorio si integrano nei processi di progettazione e produzione della componentistica.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Tra i programmi di maggior interesse spiccano il velivolo da caccia europeo Eurofighter, il velivolo multiruolo Tornado, il velivolo da combattimento di nuova generazione F-35, l’elicottero Super Lynx ed EH-101, nonché diverse collaborazioni su sistemi ed equipaggiamenti di bordo. In ambito spaziale il Piemonte è coinvolto nello sviluppo inglese del rover di ExoMars di nome Rosalind Franklin per conto della capo-commessa Thales Alenia Space di Torino con il coinvolgimento di Altec per il Rover Operation Control Center (ROCC). Sono inoltre attive molte collaborazioni tra aziende locali e il sito di lancio per piccoli lanciatori presente nel Regno Unito. Il Piemonte questanno- continua Peirone – intende rilanciare il suo ecosistema strutturato e dinamico, in cui sono presenti tutti gli anelli della supply chain, centrale per il supporto dei progetti aerospaziali.

 Le competenze presenti in Piemonte – dichiara infine Dario Peirone, Presidente di Ceipiemonte – abbracciano lintera filiera dellAdvanced Urban Air Mobility dallo studio del concept d fino alla produzione con tecnologie e soluzioni distintive nei settori chiave dellelettronica, dellenergia, connettività e processi produttivi”.

Print Friendly, PDF & Email