“Manolibera”: a Piovera un’interessante proposta artistica

MANOLIBERA è il titolo scelto per questa manifestazione  curata da Nicolò Calvi di Bergolo e Giuseppe Castelli con il contributo del Comune di Piovera e la Pro loco Sezione Culturale il Gufo. Per tutto il periodo estivo sarà ospitata negli spazi del cascinale di fronte al Castello di Piovera.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Una corte dove sono stati recuperati e adattati all’uopo le abitazioni dei salariati, le vecchie stalle e il grande porticato.

Spazi che per MANOLIBERA sono stati occupati da un congruo numero di opere d’arte realizzate da artisti giovani e meno giovani provenienti anche da regioni limitrofe, che hanno il desiderio di proporre i propri lavori e confrontarli con gli altri attraverso un dialogo sicuramente costruttivo.

Sono proposte sculture realizzate con vari materiali cha spaziano dal metallo alla pietra, dal marmo alla terracotta, dal legno alla ceramica smaltata e dipinti di varie dimensioni e tecniche espressive: dal dipinto tradizionale ad olio al collage con materiali eterogenei e a volte inediti, dagli  smalti ricchi di colature agli acquarelli su carta.

Tra i diversi lavori mi hanno particolarmente colpito le opere proposte da uno scultore ligure, Roberto Scarpone, che si avvale di frammenti  di diverse dimensioni di porzioni del troco (durame) di vecchi castagni abbattuti dagli eventi atmosferici o per cause naturali giunti alla fine della loro esistenza.

La struttura interna si presenta fibrosa, ricca di fasci paralleli che l’artista evidenzia avvalendosi di piccoli scavi ottenuti con la sgorbia, presenta delle fessurazioni tondeggianti dove in origine potevano estendersi rami laterali, presenta andamenti sinuosi dovuti al tipo di accrescimento più o meno contorto dell’albero.

L’artista non fa altro, e non è poco, di evidenziare quanto è già presente in natura, ma nascosto all’interno della compatta struttura e la sua abilità sta proprio nel saper, con pochi tocchi, esaltare quanto la natura produce, ma nasconde al suo interno.

E’ possibile visitare la mostra per appuntamento, nei giorni di apertura del Castello oppure ogni fine settimana nei mesi di Luglio, Agosto e Settembre dalle  15:30 alle 19:00.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Rino Tacchella

 

 

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email