Imbrattata la sede della Uil di Acqui Terme con scritte no vax e contro il sindacato

Acqui Terme – Atto vandalico, stamane, alla sede sindacale della UIL di Acqui Terme, imbrattata da scritte che sono state fatte sui muri e sulla saracinesca probabilmente a cura di qualche no vax.
“L’episodio è gravissimo ed esprimiamo rabbia e costernazione per quanto accaduto” ha dichiarato con una nota la UIL.
Claudio Bonzani, segretario generale UIL Alessandria ha affermato: “il nostro mestiere è difendere e tutelare i lavoratori, l’abbiamo sempre fatto e non ci fermeremo di certo davanti a questi attacchi vili ed ingiustificati. Leggere sindacato nazista, traditori, vivi libero e il vax uccide non ci intimidisce. Abbiamo sempre sostenuto la necessità della vaccinazione proprio per la tutela della salute e la sicurezza di tutti, per evitare ulteriori morti e malati gravissimi, come quelli delle prime fasi della pandemia. Il vaccino ci ha permesso di proteggerci e ricominciare a vivere. Condanniamo, come abbiamo già detto altre volte, questo gesto con tutte le nostre forze. La libertà di opinione non passa da atti vandalici. I Carabinieri sono già sul posto. Continueremo la nostra attività come abbiamo sempre fatto mettendoci a disposizione dei cittadini sempre”.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email