Al via la nuova stagione dei servizi ferroviari: riapre la linea sospesa Casale-Mortara

Casale Monferrato – Servizi più capillari e mantenimento della quantità di chilometri operati. Queste le direttrici che hanno guidato il lavoro della Regione Piemonte per la redazione del nuovo contratto di servizio ferroviario regionale che sarà sottoscritto con Trenitalia nelle prossime settimane.
In particolare, per il territorio Alessandrino è arrivata una notizia attesa da tempo. Da settembre 2023 riaprirà infatti la tratta ferroviaria Casale-Mortara, sospesa nel 2012 a causa della mancanza di coperture economiche per il servizio. 28,4 chilometri di binari tornano a vivere con un’offerta di 14 treni al giorno nei feriali per oltre 100 mila chilometri/treno all’anno, con fermate a Casale, Candia Lomellina e Mortara, che rappresentano complessivamente un bacino d’utenza di oltre 51 mila persone.
Su 13 linee sospese a causa delle mancate coperture economiche, per le quali nessuna delle Giunte precedenti era riuscita a trovare una soluzione, l’attuale amministrazione ha attuato una mappatura delle necessità di mobilità locale e dello stato di salute dell’infrastruttura e inizia ora ad aprire le prime linee. Il nuovo contratto prevede anche una stima dei costi per la riattivazione del servizio di tutte le tratte sospese; l’impegno è ora di provare a reperire ulteriori disponibilità economiche per pianificare altre riaperture.
Imminente un’altra novità per i collegamenti estivi, che riguardano anche l’Alessandrino. Dal 18 giugno fino all’11 settembre sono state infatti attivate quattro nuove corse – due il sabato e due la domenica – del ‘treno-mare’ tra il Piemonte e l’Emilia-Romagna, che prevede fermate ad Alessandria a partire dalle 7:21 con destinazione Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Cattolica e connessioni agevolate con l’alta velocità lungo la linea.
Importanti i potenziamenti anche su altri servizi nel resto del Piemonte. Verranno infatti introdotti, a partire da luglio 2022 quattro nuovi treni tra Cuneo e Ventimiglia e, da settembre 2022, altri quattro nuovi treni diretti Biella-Torino dal lunedì al venerdì e due treni Asti-Milano, sempre dal lunedì al venerdì.
Come sottolineano il Presidente della Regione Piemonte e l’Assessore ai Trasporti, la situazione ereditata dall’amministrazione regionale era economicamente molto difficile, con un mini contratto senza copertura finanziaria nell’ultima annualità e fondi per i servizi mai incrementati. Tuttavia, l’impegno della Regione nel voler dare un servizio ferroviario migliore si è concretizzato, grazie ad un profondo lavoro degli uffici e di tutti i soggetti interessati, in una prima riorganizzazione che tiene conto dei cambiamenti dell’utenza, da un lato, e delle necessità di territori rimasti senza servizi, dall’altro.
L’utenza è infatti variata notevolmente negli anni, con un’importante accelerazione negli ultimi tre dovuta ai cambiamenti di abitudini di mobilità durante l’emergenza sanitaria. Molti orari sono stati infatti rivisti in funzione di un flusso di passeggeri che si sposta in altri orari e verso altre destinazioni o, addirittura, non si sposta più con il treno. Ragionando su queste variazioni e dopo un’attività di ascolto dei territori si è perciò deciso di mantenere stabile la quantità di chilometri prevista dal contratto con Trenitalia, spalmandola su linee e orari differenti, ma mantenendo invariato il servizio nei giorni feriali, quando la richiesta è più forte.
Determinante per questo contratto è stato lo sforzo economico della Regione Piemonte ricordato dal Presidente della Regione e dall’Assessore ai Trasporti e che si è concretizzato nell’impegno aggiuntivo di 200 milioni per i prossimi 10 anni per salvaguardare i servizi esistenti, in modo che non vengano operati tagli per pure ragioni economiche. Il nuovo contratto restituisce una prospettiva al Piemonte ed inverte finalmente una tendenza; aumentano i cittadini serviti dal servizio ferroviario e miglioreranno i servizi prioritari, arricchiti da una flotta di treni in rapido rinnovamento. Dopo i nuovi treni previsti dal contratto di Servizio Ferroviario Metropolitano, che vedono 9 elettrotreni ‘Pop’ e 29 elettrotreni ‘Rock’, anche il Servizio Ferroviario Regionale potrà infatti contare su 9 nuovi treni ‘Rock’ da immettere in servizio nel 2025 sulle linee di forte affluenza.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email