30° Grand Prix Bordino: oggi la partenza da piazzetta della Lega ad Alessandria

Alessandria – Ha preso il via, oggi pomeriggio, da Piazzetta della Lega la nuova edizione del “Grand Prix Bordino”, tornato dopo due anni di assenza causa covid.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Una manifestazione che riunisce appassionati e collezionisti, italiani e stranieri, di prestigiose auto d’epoca, protagoniste della storia dell’automobilismo dal 1930 al 1968 e che hanno dato vita a questa trentesima rievocazione.
Alcuni esemplari di auto che prendono parte all’evento hanno avuto un ruolo di assoluto rilievo nelle più importanti manifestazioni dell’epoca: ‘Mille Miglia’, ‘Targa Florio’, ’24 Ore di Le Mans’, ‘Goodwood’.

Ma il Gran Prix non è solo auto. In piazzetta della Lega si è tenuta una sfilata con i capi d’abbigliamento del Museo Etnografico ‘C’era una volta’ e lo spettacolo delle ‘Sweet Dolls’, performers di burlesque che, con i loro abiti a tema, sottogonna, fiocchi, fiori, pose pin-up, sorrisi, balli retrò, hanno intrattenuto e rallegrato l’atmosfera.
Presenti anche Andrea Macrì e Gabriele Lanza, campioni ai Giochi paralimpici invernali di “Pechino 2022” per la specialità ‘Para Ice Hockey’, che grazie allo sponsor ‘Bolidea’, hanno partecipato a questa edizione del ‘Grand Prix Bordino’ su una Lancia Fulvia coupé, appositamente trasformata con i comandi “Guidosimplex” (acceleratore e freno di servizio manuali e frizione automatica).

Oggi dunque, la partenza, con le auto che, partite da piazzetta della Lega, hanno percorso Corso Roma e piazza Garibaldi.
Domani i partecipanti si dirigeranno verso l”Outlet’ di Serravalle Scrivia per proseguire fino a Santa Margherita Ligure e Portofino nella meravigliosa cornice del Golfo del Tigullio.
Domenica mattina, dalle 11:30, a Frugarolo sarà omaggiata la pilota Lella Lombardi, prima e unica donna (ad oggi) ad affermarsi nella massima categoria delle competizioni automobilistiche. Nel centro di Frugarolo sarà ricavato un tracciato per lo svolgimento del Trofeo.

(Foto Maurizio Mazzino)

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

 

Print Friendly, PDF & Email