Esordio amaro ai Playoff per il Derthona Basket. Gara1 è di Venezia

CASALE MONFERRATO – In un PalaEnergica completamente gremito di tifosi e alla presenza del Coach della Nazionale italiana Romeo Sacchetti, la Bertram Derthona ha fatto il suo esordio nei Playoff di Serie A contro l’Umana Reyer Venezia uscendo battuta per 66-77.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Coach Ramondino schiera per iniziare la gara Wright, Sanders, Daum, Cain e Macura. Coach De Raffaele, invece, risponde con Bramos, Tonut, Brooks, Theodore e Watt. 

Impiega un minuto Brooks a segnare i primi 4 punti del match. Wright, però, 30 secondi dopo risponde con due punti dall’area. Venezia prova a reagire ma Daum sale in cattedra e stoppa. Bramos, allora, segna la tripla che vale il 2-7 ma subito dopo Wright risponde con una tripla. Altri due punti di Watt seguiti da due di Cain portano il punteggio a 7-9 quando mancano 6 minuti e mezzo dalla prima sirena. Il Derthona, incitato dal tifo costante della Fossa dei Leoni, aumenta l’intensità e Macura segna il canestro del pareggio per 9-9 seguito da quello di Wright che costringe Coach De Raffaele a chiedere il primo timeout della gara sul punteggio di 11-9 per la squadra di casa quando mancano 5 minuti e 31 secondi dalla fine del primo quarto di gara. Al rientro in campo Bramos segna il canestro del pareggio per 11-11. Venezia si riporta in vantaggio con Tonut che segna dall’area. Cain, però, subito dopo riporta il risultato in parità sul 13-13 e Mascolo riporta i Leoni in vantaggio da sotto canestro sul 15-13. Filloy commette fallo e manda Morgan in lunetta. Il giocatore veneziano, però, realizza solo uno dei liberi concessi. Cannon, però, risponde immediatamente con due punti dall’area cui seguono quelli di Tonut e i due di Filloy. Morgan, però, a circa 30 secondi dalla fine del primo quarto segna due punti dall’area ma Cannon risponde immediatamente con la tripla del 22-18 su cui si chiude anche la prima frazione di gara. Il secondo quarto parte ad altissima intensità con i primi due punti, firmati da Bruno Mascolo, che si vedono solo dopo ben 95 secondi. Theodore commette fallo su Mascolo e lo manda in lunetta per due tiri liberi che il giocatore bianconero realizza entrambi portando i Leoni sul +8 sul punteggio di 26-18. Mazzola, però, quando mancano 7 minuti e mezzo dalla sirena del secondo quarto di gara segna la tripla che vale il 26-21. Theodore, un minuto dopo, segna altri due punti seguiti da quelli di Vitali segnati mentre Cannon commette fallo su di lui concedendogli il libero aggiuntivo che il giocatore realizza riportando il risultato in perfetta parità. Cain, a poco meno di 5 minuti dalla sirena, segna finalmente altri due punti per il Derthona ma Theodore risponde immediatamente con altri due punti riportando il risultato nuovamente in parità. Sempre Theodore, a poco meno di 4 minuti dalla sirena, realizza la tripla del sorpasso. A 3 minuti dalla sirena, però, Wright porta i padroni di casa ad un punto di distanza dalla formazione veneziana ma Watt segna altri due punti dall’area che portano il risultato sul 30-33. Sempre Wright riporta i Leoni sul -1 quando mancano due minuti dal termine del secondo quarto di gara. Venezia subisce fallo, ma è il quinto commesso dal Derthona, e, così, il giocatore lagunare va in lunetta per due liberi ma ne realizza solo uno. Watt subisce fallo e va in lunetta per due liberi ma anche lui ne realizza solo uno. Macura subisce fallo in area e l’arbitro gli concede due liberi che realizza entrambi portando il risultato sul 34-35 quando mancano 49 secondi. Sempre Macura, però, dieci secondi dopo fa esplodere il PalaEnergica con la tripla del sorpasso che costringe Coach De Raffaele a chiedere un nuovo timeout sul punteggio di 37-35, punteggio su cui si chiude anche la seconda frazione di gara. 

Il terzo quarto si apre con due punti di Watt dopo soli dieci secondi. Il giocatore, però, mentre tirava ha subito fallo e, così, segna anche un libero aggiuntivo. Macura risponde immediatamente riportando il Derthona in vantaggio per 39-38 e Sanders, in una manciata di secondi, segna altri due punti. Watt segna dall’area ma Cain risponde subito con altri due punti. Tonut porta Venezia ad un punto di distanza dalla squadra di Coach Ramondino. Macura, però, a 6 minuti e mezzo dalla sirena segna il 45-42 ma Tonut riporta sul 45-44. Esattamente a metà della terza frazione di gara Watt commette fallo su Cain mandandolo in lunetta per due tiri liberi che il giocatore bianconero realizza. Risponde immediatamente Brooks con due punti ma Filloy realizza la tripla del 50-46. Mazzola, allora, risponde con la tripla del 50-49 ma poi commette fallo su Daum mandandolo in lunetta per altri due tiri liberi. Il primo entra ma il secondo no. Theodore, a 2 minuti e 40 secondi dalla sirena, realizza il canestro del 51-51. A 50 secondi dalla fine Mascolo realizza il canestro del 53-51 ma Tonut subito dopo segna la tripla che concede il vantaggio a Venezia. Sempre Tonut segna ancora il canestro del 53-56. Sulla sirena, infine, Stone segna la tripla del 53-59. I primi due punti dell’ultimo quarto di gara sono firmati da Morgan, che impiega un minuto e mezzo per metterli a referto. Severini, però, risponde col canestro del 55-61. Due punti di Bramos costringono Coach Ramondino a chiedere il timeout quando mancano 6 minuti e 5 secondi dalla fine della gara. Al rientro in campo Macura segna due punti e subisce fallo. Per questo motivo gli viene concesso un tiro libero che l’americano bianconero realizza. Watt, però, subito dopo segna il canestro del 58-65. Wright a 3 minuti 48 secondi dal termine segna la tripla del 61-65 che obbliga Coach De Raffaele a chiedere il timeout per riuscire a proteggere il vantaggio. Al rientro in campo Bramos segna subito una tripla. Sempre Bramos segna un libero concesso grazie ad un fallo tecnico di Macura. Daum, a 2 minuti e mezzo dalla sirena, segna la tripla del 64-69. Bramos, però, risponde con altri due punti seguiti da altri due di Watt che costringono Coach Ramondino a chiedere il timeout sul punteggio di 64-73 per organizzare l’assalto finale. Al rientro in campo Wright realizza immediatamente due punti ma Theodore ne realizza 4 in una manciata di secondi portando gli ospiti sul 66-77. Tonut, però, commette un fallo tecnico a 29 secondi dalla sirena mandando Wright in lunetta per un libero che, tuttavia, non realizza. 

Si tornerà in campo dopo domani, martedì 17, alle ore 20 sempre al PalaEnergica per Gara2.

Bertram Derthona-Umana Reyer Venezia 66-77 (22-18; 37-35; 53-59)

TORTONA: Mortellaro ne, Wright 16, Cannon 5, Tavernelli 0, Filloy 5, Mascolo 8, Cattapan ne, Severini 2, Sanders 2, Daum 4, Cain 10, Macura 14. All. Marco Ramondino.

VENEZIA: Stone 3, Bramos 13, Tonut 13, De Nicolao 0, Echodas ne, Morgan 5, Mazzola 6, Brooks 6, Theodore 13, Cerella ne, Vitali 3, Watt 15. All. Walter De Raffaele.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email