In sella per la ricerca: Loretta Pavan l’11 maggio fa tappa al Day Hospital di Alessandria

L’11 maggio alle ore 9 per raccontare la sua storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Farà tappa anche all’Azienda Ospedaliera di Alessandria il tour di Loretta Pavan che, nel percorrere 1.300 km in sella alla sua bicicletta per supportare la ricerca sul tumore al seno, l’11 maggio alle ore 9 incontrerà i pazienti del Day Hospital Onco-ematologico insieme ai parenti e alle Associazioni di Volontariato di Oncologia e Cure Palliative della provincia di Alessandria.

All’ex imprenditrice vicentina di 60 anni, ora ciclista per passione, nel 2006 viene diagnosticato un tumore al seno, la stessa tremenda malattia che si è portata via, in giovane età, le sue due sorelle, morte a 9 mesi l’una dall’altra. Segue un periodo frenetico fatto di ricoveri, interventi, terapie ma anche di intere giornate in ufficio, riunioni estenuanti e bilanci da fare. Loretta comincia a riflettere e, aiutata della sua oncologa, la Dott.ssa Marcella Gulisano, decide di cambiare vita: abbandona l’azienda e sale in bici.

Ha portato a termine sfide incredibili come la Parigi-Brest-Parigi (1.200 km con 12.000 metri di dislivello) in 78 ore oppure la Pinerolo-Barcellona-Pinerolo (1.600 km con 20.000 metri di dislivello) in 145 ore. In sella Loretta riassapora il piacere di stare a contatto con la natura e la sua spiritualità, allontana i cattivi pensieri e sogna il suo futuro. Nel 2019 parte per il giro delle Repubbliche Marinare, un percorso di 2.300 km con 20.000 mt di dislivello che toccherà Venezia, Genova, Pisa e Amalfi. Il 3 agosto dello stesso anno affronta un giro incredibile alla volta di Tarifa: 3.000 km con 28.000 mt di dislivello che già l’aveva portata all’interno dell’Ospedale di Alessandria per incontrare i pazienti oncologici e raccontare la sua storia. Neanche il Covid l’ha fermata: insieme all’amico Giorgio Murari ha infatti deciso di pedalare lungo tutto il perimetro della penisola con il progetto “Abbracciamo l’Italia” che li ha visti impegnati in un percorso di 7.000 km, con un dislivello di 70.00 metri affrontato in 40 giorni.

Pedalando ho imparato ad affrontare la malattia e a dedicarmi alle persone che vivono la mia stessa situazione” racconta Loretta “lotto per me e per gli altri”. Il progetto del 2022 si intitola infatti “Mai mollare, ce la possiamo fare” e rappresenta lo spirito di Loretta e dei suoi compagni di pedalate Carla Tramanin, Gloria Comacchio e Pierluigi Moresco che hanno l’obiettivo di trasformare l’avventura in un forte abbraccio simbolico ai pazienti dei reparti oncologici.

L’incontro sarà aperto a tutti coloro che vorranno partecipare per supportare questa causa, grazie anche al contributo delle volontarie della BIOS, ovvero l’Associazione delle donne operate al seno che forniscono appoggio psicologico alle pazienti, ascoltandole e condividendo la loro esperienza passata.

Print Friendly, PDF & Email