Iniziate le consulenze tecniche nell’edificio di Alessandria andato a fuoco in cui morì la musicista astigiana Monica Prendin

Alessandria – Ieri sono iniziate le perizie disposte dal Tribunale di Alessandria per stabilire quali siano state le cause determinanti del tremendo incendio in cui, l’11 dicembre scorso, perì l’insegnante di musica Monica Prendin, 55 anni. I periti delle parti civili e i rappresentanti dei cinque proprietari della struttura, accompagnati dai Vigili del Fuoco, hanno effettuato un sopralluogo nell’edificio di Via Arnaldo da Brescia in cui perse la vita la musicista, residente a Castello di Annone, provincia di Asti, e presidente della scuola di musica e corsi per strumenti “Tamburvoice” che aveva sede nell’edificio.
La donna, dopo aver messo in salvo i suoi studenti, morì nell’incendio che devastò ampie parti dell’edificio.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email