Lunedì il Ministro Stefani ad Alessandria per sottoscrivere la Carta Europea della Disabilità

Alessandria – Lunedì 11 aprile il ministro della Disabilità, Erika Stefani, arriverà ad Alessandria dove sarà sottoscritta ufficialmente la convenzione legata alla Carta Europea della Disabilità tra il Comune e il Ministero che consentirà ai titolari di tale Carta di fruire di specifiche agevolazioni, promozioni e servizi nell’ambito delle strutture e centri sportivi del territorio locale gestiti direttamente o indirettamente dal Comune di Alessandria.
Nel dettaglio possono richiedere gratuitamente la Carta Europea della Disabilità gli invalidi civili maggiorenni con invalidità certificata pari o maggiore del 67%, tutti gli invalidi civili minorenni, i cittadini con indennità di accompagnamento, i cittadini con certificazione ai sensi della Legge 104/1992, Art 3 comma 3, i ciechi civili, i sordi civili, gli invalidi e inabili ai sensi della Legge 222/1984, gli invalidi sul lavoro con invalidità certificata pari o maggiore del 35%, invalidi sul lavoro o con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con menomazioni dell’integrità psicofisica, inabili alle mansioni (ai sensi della Legge 379/1955, del DPR 73/92 e del DPR 171/2011) e inabili ai sensi della Legge 274/1991, art. 13 e Legge 335/1995, art. 2, cittadini titolari di Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra.
La Carta Europea della Disabilità potrà essere richiesta sul sito di INPS tramite una procedura online. Successivamente, una volta completata la richiesta, la Card verrà spedita a casa del cittadino. Per richiederla bisogna avere una Carta di Identità Elettronica (CIE), SPID o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS) per accedere all’area riservata del sito, una fotografia, formato fototessera, da caricare durante la procedura di richiesta. Avere questa Carta è utile poiché sostituisce a tutti gli effetti i certificati cartacei e i verbali che attestano la condizione di disabilità. Per presentare la richiesta bisogna andare su serviziweb2.inps.it.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email