Al Derthona Basket non basta un buon ultimo quarto: al PalaEnergica festeggia Pesaro

CASALE MONFERRATO – È Pesaro a festeggiare sul campo del PalaEnergica di Casale Monferrato battendo per 70-86 la Bertram Derthona di Coach Marco Ramondino.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Coach Ramondino per iniziare la gara schiera Wright, Sanders, Daum, Cain e Macura. Dall’altro lato Coach Banchi schiera Mejeris, Moretti, Sanford, Delfino e Jones.

Impiega poco meno di 20 secondi Wright a segnare i primi due punti della gara. Pesaro, però, risponde subito con una tripla di Delfino. Gli ospiti insistono e a poco meno di 7 minuti dalla sirena del primo quarto conducono sul 2-8. Macura, però, accorcia subito il vantaggio degli ospiti con una doppia. E sono ancora i leoni in meno di un minuto a segnare il 6-8 con Cain. Pesaro, però, insiste e segna ancora una tripla. A 4 minuti dalla sirena Pesaro conduce sul 6-13. A 3 minuti e 28 secondi dalla sirena Coach Ramondino chiede il suo primo timeout sul punteggio di 7-15. Clamorosa svista arbitrale al ritorno in campo che non vede un visibilissimo fallo degli ospiti e, addirittura, concede la possibilità del gioco da 3 a Pesaro, tra le giuste proteste di Ramondino. A poco più di un minuto dalla sirena del primo quarto Mascolo segna l’11-17 ma Pesaro risponde immediatamente con altri due punti. A 5 secondi dalla fine l’arbitro vede un fallo di Mascolo totalmente inesistente facendo rumoreggiare il pubblico bianconero. Alla sirena il tabellone dice che il Derthona è in svantaggio per 11-22. Al rientro in campo Mascolo segna i primi due punti della frazione di gara. Passano una manciata di secondi e Severini segna altri due punti. A 6 minuti dall’intervallo Severini segna il canestro del 19-29. Macura, a poco più di 5 minuti dalla sirena, segna il 23-34. Subito dopo Coach Banchi commette fallo tecnico invadendo il campo e mandando i leoni in lunetta. Wright accorcia sul -10 ma Pesaro si riporta subito sul +12 grazie a due liberi. A 2 minuti dalla sirena il punteggio è di 30-40 e dopo pochissimo l’arbitro vede nuovamente un fallo al contrario. Viene fischiato, infatti, al Derthona ma a commetterlo era Pesaro. Il pubblico rumoreggia visibilmente e a poco più di un minuto dalla sirena, finalmente, viene fischiato il quinto fallo a Pesaro (anche se era già avvenuto da diverso tempo). A 48 secondi dall’intervallo Coach Ramondino chiede il suo secondo timeout del primo tempo sul punteggio di 31-43. A 18 secondi dalla sirena Jones si tuffa in area e l’arbitro fischia un fallo al Derthona facendo alterare i tifosi bianconeri che hanno iniziato ad urlare “vergognosi” all’indirizzo della terna arbitrale. Alla sirena, però, il risultato è impietoso e dice che Pesaro conduce sul 31-48.

Al rientro in campo è Pesaro a segnare i primi due punti. Sanders, però, segna la prima tripla del match per i leoni e porta il risultato sul 34-52. I leoni insistono e a 6 minuti e mezzo dalla sirena del terzo quarto recuperano sul 38-56. Pesaro reagisce e si porta in poco tempo sul 39-60 ma Sanders segna il 41-60 a 4 minuti dalla sirena del terzo quarto. Filloy a 2 minuti e mezzo dalla sirena segna la tripla del 44-60 che costringe Coach Banchi a chiedere il suo primo timeout della gara. Al rientro in campo i leoni insistono subito con altri due punti di Mascolo. A 20 secondi dalla fine, però, Jones segna il canestro del 47-67 e, segnando, subisce anche fallo così da andare in lunetta e segnare il l’obero aggiuntivo. Sulla sirena, però, Mascolo segna il canestro del 49-68. L’ultimo quarto di gara inizia subito con la tripla di Filloy. Passa meno di un minuto e Filloy scarica la seconda tripla consecutiva che vale il 55-70. Due punti di Cannon su assist di Mascolo scaldano il pubblico bianconero. A 6 minuti e mezzo dalla fine Mascolo segna il canestro del 59-70. A 4 minuti e 47 secondi dalla fine del match Coach Ramondino chiama un nuovo timeout sul punteggio di 61-75 per organizzare l’assalto finale. A poco meno di 3 minuti dalla fine Pesaro conduce sul 64-80. Macura, però, segna due punti che valgono il -14. Mascolo commette fallo mandando Zanotti in lunetta per due liberi che realizza. Coach Ramondino, allora, chiede il suo secondo timeout del secondo tempo quando manca solo 1 minuto e 58 secondi alla fine della gara. Cannon a 1 minuto e 20 secondi dalla sirena segna il 68-82 ma Pesaro risponde subito con altri due punti. Mascolo ci prova fino alla fine e segna il 70-84 ma Pesaro segna ancora due punti che valgono il 70-86.

Bertram Derthona-Carpegna Pesaro 70-86 (11-22; 31-48; 49-68)

DERTHONA: Mortellaro ne, Wright 9, Rota ne, Cannon 5, Tavernelli ne, Filloy 11, Mascolo 15, Severini 4, Sanders 8, Daum 2, Cain 4, Macura 12. All. Ramondino.

PESARO: Mejeris 12, Moretti 8, Tambone 7, Stazzonelli ne, Lamb 8, Zanotti 8, Sanford 4, Demetrio 0, Delfino 19, Jones 20. All. Banchi.

Print Friendly, PDF & Email