Valenza celebra il pittore Pier Paolo Prandi, amico del Museo Etnografico Gambarina

Nell’imponente catalogo che raccoglie una selezione di circa duecento opere del compianto Pier
Paolo Prandi, pittore di Valenza che talvolta interpretava parti in commedie sulle tavole dei
palcoscenici locali, a pagina 47 è stata inserito l’olio su tela “L’isula d’la speranza (la polenta)” (100 x 80
cm) che il Museo Etnografico “C’era una volta” ricevette in dono per testimoniare quanto apprezzasse
le attività curate da questa istituzione, per Alessandria e per il territorio circostante.
Ad un anno dalla scomparsa, l’Amministrazione Comunale di Valenza ha promosso e realizzato, col
supporto della Regione Piemonte, un progetto per ricordare degnamente Pier Paolo Prandi, che
comprende appunto un catalogo monografico curato dal Centro Comunale di Cultura e fra qualche
settimana una grande mostra retrospettiva.
Nel catalogo sono presenti testi critici, senza dimenticare i tratti umani dell’artista, con interventi di
Renzo Margonari, uno dei massimi esperti italiani di arte naïf, di Pier Giorgio Manfredi, nonché un
confronto tra le immagini dipinte e le cartoline storiche del Fondo Dabene conservato presso l’Archivio
Storico del Comune di Valenza.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email