Progetto @pe: educazione civica, ambientale e ricerca all’Alexandria

La Fondazione Solidal incontra gli studenti per parlare di patologie ambientali

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Al via il Progetto @pe con gli studenti di I e II Liceo Scientifico Cambridge dell’Alexandria International School che, in occasione del secondo appuntamento, hanno incontrato gli esponenti della Fondazione Solidal, principale partner dell’iniziativa.

Il progetto “Alleanza per l’educazione civica”, vincitore del bando Fermenti, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, ha infatti l’obiettivo di favorire una collaborazione tra scuole secondarie di secondo grado e attori istituzionali, sociali ed economici del territorio al fine di supportare e rendere efficace l’insegnamento dell’educazione civica, anche a seguito delle novità introdotte dalla L 92/2019 che ha riconosciuto a questa disciplina una natura trasversale a tutte le altre materie scolastiche.

La Fondazione Solidal promuove lo sviluppo civile, culturale, sociale, ambientale, turistico ed economico sul territorio – ha spiegato Manuela Ulandi, Vicepresidente di Solidal – ed è per questo che sostiene con forza la ricerca scientifica condotta dall’Azienda Ospedaliera di Alessandria attraverso Solidal per la Ricerca, nella convinzione che essa sia alla base della cura e costituisca il punto di partenza per determinarne il costante miglioramento. Si tratta quindi di un valore che va accresciuto nel tempo grazie agli sforzi di tutta la comunità, a partire proprio da questi giovani studenti che saranno i protagonisti del futuro della nostra provincia”. Proprio per questo impegno nel sostenere la ricerca scientifica e l’Ospedale di Alessandria nel suo percorso di trasformazione a IRCCS per le Patologie ambientali e asbesto-correlate, la Fondazione ha voluto fortemente entrare a far parte del progetto @pe, che vede coinvolti 10 istituti in tutto il Piemonte e numerosi enti (imprese, istituzioni e terzo settore) sul territorio, con il fine di favorire la partecipazione attiva dei giovani nel costruire un ambiente più salutare in cui crescere, acquisendo così un senso civico in linea con i sempre più attuali “valori green”.

Durante l’incontro, moderato da Giacomo Balduzzi, ricercatore dell’Università di Salerno, e da Francesca Como, docente dell’Alexandria International School, entrambi membri dell’Associazione promotrice del progetto Tessere Territori APS presieduta dal Prof. Antonio Lizzadri, i ragazzi hanno potuto indagare il tema del legame tra salute e ambiente sia attraverso l’approfondimento di Fabio Giacchero, Coordinatore della Ricerca presso il Dipartimento Attività Integrate Ricerca e Innovazione dell’Ospedale di Alessandria diretto dal Dr. Antonio Maconi, sia attivamente mediante un laboratorio. Divisi in quattro gruppi, hanno dovuto infatti mettersi nei panni di giornalisti, ricercatori e studenti e, a partire da un testo dell’OMS tradotto da Epicentro sull’incidenza delle patologie ambientali, ideare rispettivamente un titolo, uno slogan per una campagna di fundraising e un hashtag per i social sul tema, argomentando poi le proprie scelte.

A terminare la mattinata, l’intervento di Valery Artusio, tirocinante del progetto “Io Sono”, che ha spiegato l’importanza della sensibilizzazione sul tema delle malattie rare, portando in particolare l’esperienza della Trisomia 9 a mosaico, e del rapporto medico-paziente-caregiver nell’ottica di un sempre maggiore coinvolgimento attivo e consapevole dei pazienti al percorso di cura.

L’appuntamento era stato preceduto da un primo incontro conoscitivo che aveva visto i ragazzi misurarsi con un gioco-dibattito sui temi dell’educazione civica, realizzato in partnership con la società Modus Operandi grazie al contributo del copy Alessio Versace. Prenderanno quindi il via nei prossimi mesi i laboratori, che interesseranno anche il prossimo anno scolastico, che porteranno i 26 studenti coinvolti a lavorare in prima persona sui concetti di welfare, salute, ricerca, ambiente e patient engagement nell’ambito di un progetto che intende promuovere la partecipazione alla vita sociale e civile attraverso esperienze dirette, lavori di gruppo e creazione di contenuti inediti.

Print Friendly, PDF & Email