Sìamo Futuro Piemonte plaude all’assegnazione delle Universiadi 2025 a Torino

TORINO – Nel pomeriggio di ieri, sabato 15 maggio, la Federazione Internazionale Sport Universitari ha assegnato alla città di Torino il compito di organizzare le prossime Universiadi invernali del 2025. Una candidatura che Sìamo Futuro Piemonte, prima tra tutte le rappresentanze studentesche, ha concretamente sostenuto e ne ha fatto uno dei propri cavalli di battaglia nell’ultima tornata elettorale universitaria, convinti che la manifestazione porterà nuovi benefici e visibilità a tutto il territorio regionale.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Un sentito ringraziamento, da parte di tutta l’associazione universitaria,  è rivolto alla Regione Piemonte, al Comune di Torino, agli atenei piemontesi, al Cus, al Cusi Piemonte, ad Edisu e a tutte le rappresentanze del territorio che hanno sostenuto la candidatura da Roma che, attraverso uno sforzo corale, sono riusciti ottenere il massimo risultato – il commento di Gabriele De Simone e Gian Marco Moschella, rispettivamente coordinatore del nord-ovest e coordinatore piemontese di Sìamo Futuro -. L’evento porterà nuovi investimenti per il sistema universitario con il miglioramento dei servizi allo studente, tanto attesi da anni, in modo particolare a quello abitativo, con la creazione di 1700 nuovi posti letto che verranno ereditati dall’università”.

Con l’assegnazione delle Universiadi invernali 2025 alla città di Torino, il territorio piemontese dimostra di voler guardare oltre le chiusure che hanno caratterizzato l’ultimo anno e mezzo sfruttando lo sport come veicolo per la ripartenza – dichiara Marco Primatesta, responsabile del Dipartimento Sportivo Sìamo Futuro Piemonte -. Spero che venga data agli studenti l’occasione di essere parte integrante dell’organizzazione e della realizzazione dell’universiade, anche in integrazione ai tirocini formativi. Questo evento di caratura mondiale, garantirà nuovo lustro e visibilità agli impianti sportivi piemontesi, lo sport deve essere, sempre più, parte integrante dell’università”.

Print Friendly, PDF & Email