Il Gruppo AMAG capofila di un progetto di Welfare Aziendale al servizio del territorio

ALESSANDRIA – Il Gruppo Amag, da sempre fortemente convinto dell’importanza del welfare aziendale come leva per migliorare il benessere aziendale, ha presentato,  insieme ad As.Co. Servizi srl e AFC Consulting srl, il progetto “welfare territoriale alessandrino – un modello virtuoso per le imprese”, mettendo a disposizione la propria esperienza nel settore.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Il Gruppo AMAG, in tale progetto, assume il ruolo di capofila, essendo stata una delle prime aziende di servizi nell’area alessandrina ad attivare a favore dei propri dipendenti, un portale per l’utilizzo dei flexible benefits, consentendo loro di ottenere servizi diretti o rimborso di quanto speso.

Il Gruppo AMAG ha progressivamente implementato la varietà del proprio welfare aziendale inserendo alcuni servizi di conciliazione vita-lavoro. Tra questi il servizio di “maggiordomi aziendale”, ovvero la messa a disposizione di un dipendente  che svolge alcune piccole commissioni quotidiane per conto dei colleghi, è risultato il più apprezzato ed utilizzato.

Partendo dall’esperienza maturata, il progetto avrà l’obiettivo  di allargare ai dipendenti delle aziende facenti parte dell’ATI (Associazione Temporanea di Imprese) tale servizio. Altra importante finalità del progetto sarà la creazione di un nuovo panel multiservizi che comprenda esclusivamente le imprese locali, cercando di sviluppare una positiva ricaduta sul territorio.

Da diversi anni – sottolinea Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo AMAG – il nostro Gruppo viene considerato una delle eccellenze eccellenze piemontesi e italiane sul fronte del welfare aziendale.  Si tratta di una ‘certificazione di qualità’ che evidenzia quanto il Gruppo AMAG sappia mostrare attenzione nei confronti delle esigenze del proprio personale dipendente, nella consapevolezza che più un lavoratore è soddisfatto del contesto in cui opera e dei ‘bonus’ a propria disposizione, più si impegna e produce valore aggiunto per l’azienda, e per i clienti.  Il benessere individuale, insomma, diventa benessere collettivo, e si traduce in maggior produttività. I dipendenti del nostro Gruppo, grazie ad una serie di accordi condivisi con i sindacati e le Rsu interne, possono contare su una serie di benefit ovviamente commisurati ai diversi ruoli e risultati ottenuti, ed erogati direttamente in servizi, che vanno dal supporto alla famiglia (spese istruzione, campus estivi, baby sitter ecc) al fondo pensione, al rimborso delle spese sanitarie, ad altri comparti legati a sport, cultura, divertimento. Ci fa molto piacere, anche su questo versante, mettere oggi il nostro know-how a disposizione di altre realtà del nostro territorio, nella certezza che compito di una Multiutility come la nostra, a partecipazione pubblica e con forti radici locali, sia non solo offrire servizi di qualità a clienti e utenti, ma anche saper ‘fare sistema’, guardando al benessere complessivo della nostra comunità”.

“Ritengo – dichiara Adelio Ferrari, Amministratore Delegato del Gruppo AMAG – che diffondere tra le altre aziende del territorio le best practice in essere nel nostro Gruppo possa essere utile per sviluppare una rete ed un modello di welfare facilmente replicabile a favore dei dipendenti e del territorio. Per le imprese,  offrire servizi di welfare non è mera filantropia, ma piuttosto una leva strategica di vantaggio competitivo che permette di migliorare il benessere organizzativo e le performance economiche. Oltre ai servizi citati, il progetto prevede altresì la realizzazione di altri servizi rientranti nell’area di conciliazione vita-lavoro, con un particolare focus sull’assistenza agli anziani e sui servizi per l’infanzia ed i ragazzi”.

Print Friendly, PDF & Email