Assistenza Covid a domicilio: la Lega di Alessandria rivendica la proposta

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato della sezione alessandrina della Lega, in merito al via libera della Regione Piemonte al protocollo per la cura e
l’assistenza dei pazienti Covid  a domicilio:

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

“Con molta soddisfazione abbiamo appreso la notizia che l’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte, guidato dal leghista Luigi Genesio Icardi, ha approvato il protocollo per la cura e l’assistenza dei paziente Covid  a domicilio.
Il  protocollo riguarda la  presa in carico e la terapia farmacologica a domicilio dei pazienti affetti da sindrome respiratoria acuta da COVID 19.
A questo proposito desideriamo sottolineare che Il Consiglio Comunale di Alessandria è stato fra i primi in Italia a votare nel luglio 2020 un provvedimento in cui si invitava l’assessore regionale alla Sanità a stilare linee guida finalizzate a rendere uniforme  la gestione dei pazienti a domicilio su tutto il territorio regionale.
E’ doveroso precisare che il provvedimento votato, non dava alcuna indicazione terapeutica specifica ma, citando testualmente “….sollecitava il Consiglio Regionale e lAssessore alla Sanità del  Piemonte a pianificare ed uniformare i trattamenti domiciliari dellinfezione da Covid-19, predisponendo protocolli terapeutici con i farmaci che , in base ai dati scientifici ed allesperienza clinica sinora maturata, abbiano dato prova di efficacia nel controllo della malattia, ottimizzando la cura dei pazienti , riducendo contestualmente il numero dei ricoveri ospedalieri”.

 Gli obiettivi del protocollo delle cure a domicilio dei pazienti Covid sono molteplici:

  • fornire la migliore assistenza possibile ai pazienti a domicilio in modo che non si sentano “abbandonati”, limitando i ricoveri ospedalieri, particolarmente “pesanti” poichè oltre al problema prettamente clinico si sovrappone anche quello psicologico, dal momento che viene anche a mancare la presenza ed  il conforto dei familiari durante la degenza.
  • dare un supporto ai medici di famiglia affinchè assicurino una presa in carico e trattamenti in modo uniforme in tutto il Piemonte
  • cercare di ridurre la pressione sugli ospedali per ricoverare solo i casi  affetti da infezione da Covid-19 più complessi e più gravi, garantendo così l’assistenza e le cure anche ai pazienti affetti da altre patologie, che  rischierebbero  di essere trascurati.

Giusto e doveroso  ringraziare i medici curanti  della provincia di Alessandria che, sin dalla prima ondata a partire da marzo 2020, in un momento di estrema confusione ed incertezza (non poteva essere altrimenti), si sono immediatamente organizzati in rete, coordinandosi con i distretti dell’ASLAL  e hanno stilato protocolli terapeutici  condivisi.

In questo modo sono riusciti a curare una buona parte dei malati assistendoli  a domicilio, fornendo cure adeguate e supporto psicologico.

Lega Piemonte per Salvini Premier

Sezione Cittadina di Alessandria”

 

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

 

 

Print Friendly, PDF & Email