Rinviati i concerti Perosi Festival al teatro Dellepiane

In accordo con l’Amministrazione comunale di Tortona, considerata l’evoluzione della situazione sanitaria, l’organizzazione del Perosi Festival ha ritenuto opportuno, come gesto di responsabilità e prudenza, rimandare i prossimi due concerti dal vivo che si dovevano tenere domenica 25 e sabato 31 ottobre al Teatro Dellepiane.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

I due concerti non sono cancellati, ma semplicemente rimandati ai prossimi mesi. Il festival manterrà comunque la sua integrità e proseguirà con eventi trasmessi in diretta streaming e televisiva attraverso la piattaforma VinceròTV ed il Digitale Terrestre, come da programma.

 

Crediamo, ancora – ha dichiarato Don Paolo Padrini, direttore del Perosi Festival – che la cultura con tutta la valenza educativa, sociale e produttiva, debba essere il motore della nostra società. E un motore che non si deve fermare. Perciò insieme alla decisione di rimandare alcuni concerti dal vivo del nostro Festival Perosi (solo rimandare perchè riprenderemo non appena l’emergenza sanitaria si allenterà), prendiamo quella di continuare a realizzare concerti ed  eventi in streaming insieme ad ulteriori eventi culturali; contemporaneamente sosterremo tutti i piccoli e grandi passi che si stanno facendo per restituire alla collettività il magnifico Teatro Dellepiane che ci ha ospitato recentemente e che sempre di più diventerà luogo capace di ospitare i nostri eventi dal vivo in piena sicurezza.”

 

“Anche se tutti gli eventi erano stati organizzati nel pieno rispetto delle norme attualmente vigenti  – ha dichiarato il Sindaco Federico Chiodi – apprezziamo comunque la decisione, visto il momento di incertezza causato dall’emergenza sanitaria. La scelta di rimandare i due concerti risponde all’esigenza, in questa fase, di mantenere la massima prudenza, tutelando al massimo la salute dei tortonesi e dei nostri ospiti. Come ha specificato Don Paolo non si tratta di un annullamento, quanto di un rinvio a quando la situazione legata all’emergenza, ci auguriamo molto presto, sarà nuovamente cambiata”.

Print Friendly, PDF & Email