Grigi, le pagelle contro il Lecco

LECCO – Quali sono i veri Grigi? Quelli perfetti di domenica al Moccagatta o quelli brutti, senza gioco e addormentati di questa sera? Una sconfitta contro il Lecco più che meritata.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Crisanto 6: Incolpevole sui goal del Lecco. Interviene bene quando serve.

Blondett 5,5: È uno dei più pimpanti della difesa. Ma, comunque, niente di buono.

Cosenza 5: Dorme per tutto il primo quarto d’ora, in particolar modo sul primo goal del Lecco.

Scognamillo 4: Dorme per tutto il primo quarto d’ora, in particolar modo sul primo goal del Lecco. Gli avversari lo superano sempre senza problemi.

Macchioni 6: Tra tutti i difensori scesi in campo è il migliore. Ed è un baby. Basterebbe questo a smontare tutte le teorie sui grandi nomi.

Mora 6,5: Corre, ci prova e segna la rete (l’unica) dei Grigi. Si prende un rosso che costringe i Grigi a giocare solo con Parodi nel prossimo turno.

Casarini 6,5: Senza dubbio è il migliore in campo. È lui ad andare vicino al goal.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Suljic 5: Ci prova ma, comune, nel nulla generale grigio non riesce ad emergere.

Castellano 6: Da quando entra in campo i Grigi girano meglio.

Celia 6: È uno dei pochi che ci prova. Corre sulla fascia e tenta di servire i suoi compagni. 

Rubin s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Di Quinzio 4: Metterlo in campo dal 1’ non in condizione è un rischio. È presente, solo in distinta.

Frediani s.v.: Troppo pochi i minuti giocati.

Corazza 6: Un giocatore del suo calibro potrebbe e dovrebbe fare di meglio. Qualche occasione, però, l’ha creata.

Arrighini 5: Non si nota. E se gli attaccanti non si notano è veramente grave. 

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Chiarello 6,5: Da un suo assist nasce l’unica rete grigia. Quando lui è in campo si vede. Perché non tenerlo sempre titolare?

Mister Gregucci 4: Se la squadra nel primo tempo non ha gioco ed è brutta, di solito, è per sbagli dell’allenatore. Se, però, dopo l’intervallo torna in campo assente allora la colpa è certamente dell’allenatore che non è riuscito a trasmettere alcunché negli spogliatoi. Dal momento che la rosa è una delle più forti sulla carta, siamo sicuri che sia il tecnico giusto per vincere il campionato? Lo scopriremo fra altre tre o quattro partite.

Print Friendly, PDF & Email