Cigolini: l’uomo delle tre B

L’uomo delle tre B

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

BARBIERE BOCCIOFILO BURATTINAIO OVVERO SCULTORE

Il barbiere Gino Cigolini, un nome conosciuto dagli alessandrini un poco più anziani. La vetrina del negozio di via Mazzini esponeva, oltre agli attrezzi del mestiere, le mani, tante mani, create con la creta… fra queste qualche volto

Chi non ricorda quella calda estate degli anni 50 sul prato del C.V.A., lungo la riva destra del Tanaro? Ebbene in un afoso pomeriggio di quegli anni una voce, accompagnata dal movimento delle marionette, diceva: … ier sira u j’era la Nilla Pizzi cla cantava … con tuti is cirimeli chi balavu …, parole rimaste nella memoria di uno spettatore, ora ricordate da qualche bambino di quel tempo.

Gino era una figura di alessandrino, per così dire, un po’ speciale in quanto in attesa dei clienti modellava tuttavia, con giusto il passante, manifestava le sue opinioni sulla politica.

La collezione comprendeva mani di lavoratori, accanto a quelle di quei pochi impiegati d’allora le quali sottolineavano la differenza del mestiere: le prime callose, gonfie, quasi deformate dalla fatica; le seconde pareva fossero ricoperte di velluto, ben tornite, le dita proporzionate, così s’intravedevano le differenze degli arti superiori copiati dalle ragazze, dalla mamme, dalle nonne, ciascuna con le proprie caratteristiche, impresse dall’età dal lavoro.

L’abilità di scultore non si fermava lì, anzi plasmava la creta ricavando i volti di guerrieri, signori, contadini, artigiani; poi ancora dame, casalinghe, giovani, anziane, un insieme di figure colorate per dar risalto ai personaggi. Insomma i suoi personaggi. A questi soggetti, dal collo piuttosto lungo, forato per far posto al dito indice, legava un manto ricavato dagli scarti delle sarte, tanto da sembrare, in lontananza, figure vere.

L’attrezzatura si componeva di una tavola di legno compensato, alto più di una persona, tutto dipinto, con un’apertura a mo’ di sipario: alla scomparsa della tenda rossa ecco i protagonisti, elegantemente vestiti, con gli accessori di abbigliamento dai quali si comprendeva il ruolo nelle società.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Queste piccole opere d’arte erano esposte nel suo negozio di barbiere in via Mazzini, ora al numero civico 82; per chi avesse assistito lo spettacolo la domenica innanzi, rivedeva la Star dei suoi sogni, la poteva accarezzare, guardare da vicino, chiedere direttamente notizie, proprio dal suo creatore.

Il lunedì, giorno di chiusura della bottega, è dedicato allo sport, così arrivava in bicicletta alla Bocciofila La Familiare per disputare la consueta partita a bocce, se in quelle rarissime volte non trovava compagni né avversari, armato di penna dall’inchiostro indelebile, scriveva sul calendario: oggi nessuno s’è presentato.   

È passato oltre mezzo secolo!

                                                                                     Franco Montaldo       

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Print Friendly, PDF & Email