I 25 anni di Abbonamento Musei: ad maiora!

Oggi l’associazione Abbonamento Musei taglia il traguardo dei 25 anni di vita.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Un progetto nato in Piemonte, a Torino, che è diventato un esempio per tutta Italia.

Non solo, ma questa iniziativa, soprattutto,  ha avvicinato all’arte ed alla conoscenza migliaia di persone che si sono sentite coinvolte, protagoniste, interessate ad un’idea nuova di fruizione del nostro immenso patrimonio culturale.

Abbonamento Musei sarà sicuramente di nuovo protagonista quando, finalmente, torneremo ad apperezzare l’eccezionale normalità delle nostre terre e della loro storia.

Ecco il saluto dell’Associazione a tutti noi sostenitori e simpatizzanti:

“Questo 21 aprile è un giorno speciale per noi: Abbonamento Musei compie 25 anni!
Dal 1995 l’associazione è diventata, per un pubblico sempre più numeroso, la porta d’accesso a quello che ci piace chiamare “il museo più grande d’Italia”: un circuito di 420 luoghi d’arte e cultura esteso su Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta. Grazie al sostegno di tutti voi, abbonati e soci, promuoviamo e valorizziamo un patrimonio immenso. Dal vivo e in digitale.

E così, anche noi spegniamo le candeline durante il lockdown. Cogliamo l’occasione per farvi una promessa: continueremo a lavorare, adesso e dopo la fine dell’emergenza, per avvicinare tutti a un universo di conoscenza e di meraviglia.

Questa la lettera inviata a tutti gli abbonati:

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Carissimi abbonati,

oggi 21 aprile, la nostra Associazione taglia il traguardo dei 25 anni di attività: 25 anni durante i quali Abbonamento Musei è cresciuto insieme a voi abbonati, radicandosi sempre più sul territorio, espandendosi da Torino e dal Piemonte, alla Lombardia e alla Valle d’Aosta. La nostra tessera è diventata testimone di una ricchezza inestimabile: 420 tra musei e istituzioni su un territorio di oltre 53.000 km², 150.000 abbonati, un pubblico appassionato che ci segue con affetto e partecipazione, che ha saputo consolidare quel rapporto speciale ma non scontato tra musei e cittadini.

In questo momento così particolare, in cui l’emergenza epidemiologica determinata dal Covid 19 ha stravolto le nostre vite e interrotto quella che per noi abbonati era una radicata consuetudine, ovvero frequentare i musei, alcune certezze rimangono intatte, ovvero quelle che corrispondono a valori portanti dell’Associazione: la cultura come patrimonio comune e motore economico, l’importanza di essere una rete, l’attenzione al territorio, la comunicazione digitale.

Abbiamo anche un desiderioripartire insieme, convinti che noi abbonati potremo essere tra i primi a ricominciare a frequentare i nostri musei per tornare a godere la bellezza, l’arte, la storia e il paesaggio, perché abbiamo scelto i musei e le istituzioni culturali, come occasione di svago e di conoscenza, di socialità e di scoperta, li abbiamo scelti 4 mesi fa, un anno fa, tanti anni fa, li scegliamo ogni giorno.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Da qui vogliamo ripartire, con i tempi e i modi che ci verranno indicati, per trasformarci tutti in ambasciatori del nostro patrimonio.”

Associazione Abbonamento Musei

Il 21 aprile del 1995 la Città di Torino e Provincia di Torino, le Università e le Fondazioni firmavano l’atto fondativo di un’Associazione che da sempre ha avuto tra i suoi scopi statutari la promozione e la valorizzazione del patrimonio museale e culturale. Quello stesso anno prendeva avvio, in seno all’Ufficio Musei della Città di Torino, il progetto dell’Abbonamento Musei e 3 anni dopo l’Associazione ne assumeva la gestione per svilupparlo fino a farlo diventare, anche grazie alla continuità del sostegno dei Soci, quello che è oggi un progetto nazionale che conta 420 istituzioni coinvolte, 3 Regioni e 150.000 abbonati.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Oggi i Soci Fondatori sono Città di Torino, Regione Piemonte e Fondazione CRT; sono Soci Ordinari Regione Lombardia, Regione Autonoma Valle d’Aosta, Comune di Milano e Museo Nazionale del Risorgimento. L’Associazione è presieduta da Dino Berardi e diretta da Simona Ricci. Il Presidente onorario è il Sindaco della Città di Torino, Chiara Appendino.

Print Friendly, PDF & Email