A26 riaperta, ma traffico ancora rallentato

E’  stata riaperta con un bypass provvisorio l’autostrada A26 tra Masone e Genova dopo il crollo avvenuto ieri pomeriggio nella Galleria Bertè, come riferisce il sito genova24.

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

I tecnici di Autostrade hanno predisposto uno scambio di carreggiata all’altezza del casello di Masone in modo da convogliare tutto il traffico nel tunnel parallelo. Per un breve tratto, dunque, si procede su una sola corsia in direzione sud e su due corsie in direzione nord. Inoltre l’entrata di Masone è chiusa in direzione Genova.

Una situazione destinata comunque a provocare disagi considerato l’afflusso verso la Liguria per la notte di Capodanno. In giornata i vertici di Aspi incontreranno la ministra dei trasporti Paola De Micheli, che li ha convocati d’urgenza dopo la notizia del cedimento. Secondo fonti interne alla società, verranno proposte al Governo ulteriori agevolazioni tariffarie rispetto a quelle già concordate con la Regione e un piano di monitoraggio con più controlli realizzati da società specializzate esterne.

Secondo Autostrade, a crollare sarebbe stata una “ondulina e alcune parti dell’intonaco a cui era collegata, le cui cause sono in corso di accertamento”. Per fortuna non si registrano feriti.

L’ad di Autostrade Roberto Tomasi ha commentato: “Ci spiace per quello che è successo” ( e ci mancherebbe altro!) mentre si trovava Genova per un incontro col presidente Toti, spiegando che sono in corso le valutazioni dei tecnici sulle cause dell’accaduto.

Ovviamente il Governatone ha avuto anche lui parole di sdegno: “Sono allibito. nessuno si immaginava che potesse crollare il soffitto di una galleria”. Aspi è stata convocata d’urgenza dalla ministra dei trasporti De Micheli.

La procura di Genova ha deciso di procedere al sequestro del materiale crollato dalla volta e di ispezionare la galleria, che al momento non è stata colpita da alcun provvedimento. In seguito ai controlli di Aspi e vigili del fuoco, come spiegano fonti qualificate della magistratura, si valuterà il da farsi.

Come sempre tante parole, come sempre dopo che i problemi si sono verificati. E la manutenzione?